APPARECCHI ACUSTICI INVISIBILI O A SCOMPARSA

Questo articolo dedicato agli apparecchi acustici invisibili o a scomparsa, si divide in 4 argomenti:

  • COSA SONO 

  • PERCHE’ SCEGLIERLI

  • QUANDO INDOSSARLI

  • A CHI AFFIDARSI PER ACQUISTARLI

 

COSA SONO GLI APPARECCHI ACUSTICI INVISIBILI O A SCOMPARSA

Gli apparecchi acustici cd. invisibili o a scomparsa, rappresentano quella tipologia di apparecchi acustici appartenente alla famiglia degli endoauricolari.

Presentano delle dimensioni piccolissime e vengono posizionati all’interno del condotto uditivo, diventando, in tal modo, invisibili all’esterno. Per cui, una volta indossati, nessuno li noterà.

Questa particolarità costituisce un vantaggio non indifferente per quelle persone che non vogliono rinunciare all’estetica e alla loro riservatezza.

Inoltre, anche da un punto di vista strettamente audioprotesico, il loro posizionamento all’interno del condotto uditivo, rappresenta sicuramente un vantaggio. Infatti, essendo inseriti all’interno del condotto uditivi – luogo deputato alla naturale ricezione del suono – la qualità del suono risulta più fedele.

 

PERCHE’ SCEGLIERE APPARECCHI ACUSTICI INVISIBILI O A SCOMPARSA

Protesi acustiche esterne

Preferisci avere il tuo udito invisibile come al naturale – con dei dispositivi acustici invisibili all’esterno, oppure, preferisci essere osservato a causa delle due banane che porti sulle orecchie (come definiscono simpaticamente gli apparecchi retroauricolari i miei clienti)?

A parte il sarcasmo, credo che, al giorno d’oggi, l’estetica conti moltissimo per tutti e, a parità di prestazioni, nessuno preferirebbe indossare apparecchi acustici visibili all’esterno da tutti.

Molti dei miei clienti, con gli apparecchi acustici invisibili o a scomparsa, hanno risolto il disagio estetico che, tal volta, superava di gran lunga quello dei problemi di udito. Addirittura molti di loro, preferivano non indossare gli apparecchi acustici, e quindi restare sordi, piuttosto che andare in giro con le loro vecchie, grosse e scomode protesi acustiche.

Infatti, spesso mi sento dire da loro:

Non posso tagliare i capelli, neanche in estate, perché, con un taglio corto, non posso nascondere gli apparecchi acustici e tutti li vedono;

Non posso indossare gli occhiali perché sbattono sugli apparecchi acustici;

Quando indosso gli apparecchi acustici tutti mi guardano e mi sento in imbarazzo;

I miei apparecchi acustici si sfilano sempre dalle orecchie e, a volte, cadono e si rompono.

Insomma… a parità di prestazioni, quando è possibile portarli, e cioè in quasi tutti i casi di diminuzione dell’udito, non vi è dubbio che, i dispositivi acustici invisibili o a scomparsa, rappresentano una soluzione decisamente migliore rispetto agli apparecchi acustici tradizionali.

QUANDO INDOSSARE APPARECCHI ACUSTICI INVISIBILI O A SCOMPARSA

Gli apparecchi acustici invisibili o a scomparsa sono stati ideati per risolvere i problemi di udito, ma anche per evitare al portatore i disagi estetici legati all’uso di dispositivi acustici. 

La maggior parte delle persone affette da problemi di udito possono utilizzare questa tipologia di dispositivi acustici.

. Soltanto ad una bassissima percentuale di persone non è consentito utilizzarli.

Ma chi lo stabilisce?

L’otorino, in seguito alla visita medico-specialistica, prescrive l’utilizzo dei dispositivi acustici ed insieme all’audioprotesista, scelgono il dispositivo più adatto alle necessità del paziente.

 

A CHI AFFIDARSI PER ACQUISTARE APPARECCHI ACUSTICI INVISIBILI O A SCOMPARSA

Gli apparecchi acustici invisibili o a scomparsa, a differenza delle tradizionali protesi acustiche retroauricolari appoggiate sulle orecchie, presentano una caratteristica fondamentale. Infatti, essi vengono realizzati su misura – attraverso l’impronta del condotto uditivo del paziente con una precisione al micro-millimetro (millesimo di millimetro).

Tuttavia, questa personalizzazione, se da un lato garantisce al cliente un confort elevato per tutto il giorno (tanto è vero che… molti dei miei clienti dimenticano di toglierli la sera prima di andare a dormire), dall’altro richiede inevitabilmente maggiori competenze tecniche e un maggiore impegno da parte dell’audioprotesita.

Proprio per questo motivo, molte aziende (soprattutto quelle commerciali), sponsorizzano questi dispositivi

soltanto per attrarre i clienti. Ma, al momento della scelta dell’apparecchio acustico da proporre al cliente, tendono a sconsigliare gli apparecchi acustici invisibili e a proporre i retroauricolari.

Infatti, applicare un retroauricolare è molto più semplice rispetto ad un apparecchio acustico invisibile o a scomparsa. Basta prendere il prodotto dozzinale dall’armadietto, regolarlo in base alle esigenze acustiche del cliente e venderglielo. Ecco che il lavoro è fatto!

Ma stai davvero migliorando la vita di quella persona?

La risposta è no. E a conferma di quello che ti sto dicendo, puoi leggere le testimonianze dei miei clienti (vedi testimonianze* su https://www.invisiben.it).

Quindi, se cerchi un apparecchio acustico invisibile, ti consiglio di rivolgerti ad un’azienda specializzata in questa tipologia di dispositivi acustici.

Se tuo nipote avesse un problema cardiaco, lo porteresti dal medico generico o dal cardiologo?

Noi di INVISIBEN siamo IPER SPECIALIZZATI nella produzione di apparecchi acustici invisibili.

Per saperne di più, visita il sito www.invisiben.it 

 

Dott. Maurizio Saliola