TESTIMONIANZE

LA NOSTRA GIOIA PIU’ GRANDE E’ LA SODDISFAZIONE DEI NOSTRI CLIENTI

PROVA LA SOLUZIONE

RONALD REAGAN – 40° Presidente degli Stati Uniti d’America

FOTO DI RONALD REAGAN

Il presidente Ronald Reagan nel 1983 indossa per la prima volta i nostri stessi apparecchi acustici interni, invisibili dall’esterno. Ovviamente, i  nostri dispositivi, oggi, presentano una tecnologia decisamente più avanzata, ma la scelta del 40° Presidente degli Stati Uniti di America favorì una ampia accettazione fra il grande pubblico dei dispositivi interni.

Marcella Fiammenghi – Roma 29/05/2019

Signora Marcella Nostra paziente

Mi chiamo Marcella Fiammenghi, ho 61 anni e da quando sono piccola soffro di gravi problemi di udito. La mia vita è stata un calvario a causa della mia sordità. Ho indossato tutti i tipi di apparecchi acustici, dal primo che era a forma di scatola. Avevo solo 8 anni e tutti mi prendevano in giro, sono stata per anni paziente dell’azienda più nota, ma non ho mai trovato una soluzione concreta al mio problema. Continuavo a sentire poco e male, per non parlare della bruttezza degli apparecchi che erano grandi e fastidiosi. Spesso non li portavo perchè mi vergognavo. Mi dicevano che non avrei potuto portare quelli invisibili a causa della mia sordità, ma fortunatamente qualche anno fa ho avuto la fortuna di conoscere INVISIBEN del Dott. Maurizio Saliola che mi ha letteralmente cambiato la vita. Adesso indosso i dispositivi invisibili di INVISIBEN. Sento benissimo anche alla tv! Ho riacquisito quella sicurezza personale che desideravo da tempo. Sento bene e nessuno si accorge che ho problemi di udito. I miei nuovi apparecchi sono talmente comodi che a volte prima di addormentarmi dimentico di toglierli! Un ringraziamento speciale va al dottor Maurizio Saliola, il ” mio Dottore”, per la gentilezza, l’attenzione e la cura prestata. Ti ringrazio perchè mi hai ridato la felicità. Te ne sarò per sempre grata.

PROVA LA SOLUZIONE GRATIS

 

Marcella Fiammenghi

Gabriella Lauretani – Roma 24/05/2019

Signora Gabriella Lauretani nostra paziente

“Caro Maurizio, sento di scriverti queste poche righe, perché sei una persona che si è sempre presa cura del mio udito ma soprattutto della mia sensibilità. Ho problemi di udito da molto tempo, ma negli ultimi 20 anni sei sempre stato il mio fidato audioprotesista che mi ha sempre accolto con il sorriso mi ha sempre risolto i problemi, seguendomi costantemente. Ho talmente tanta stima nei tuoi confronti che mi sono permessa con immensa soddisfazione di mandarti tanti miei amici e conoscenti.

Ti sei preso cura anche di loro, facendomi apprezzare cosa significa aiutare le persone che soffrono del mio stesso disagio. Mi basta guardarli per un secondo e capisco subito chi soffre di diminuzione dell’udito, specialmente queste persone che portano questi apparecchi mastodontici che sembrano più grandi degli orecchie. Ho il piacere di scrivere questa lettera perché credo che per fare il tuo lavoro serva tanta passione e voglia di aiutare le persone. Non smetterò mai di farti una grandissima pubblicità e non per quello che fai ma per come lo fai.

Grazie di tutto

Gabriella Lauretani

Rita Di Pasquale – Roma 28/12/2018

Signora Rita Di Pasquale nostra paziente

Carissimo Maurizio ho sentito il desiderio di scriverti per ringraziarti e farti conoscere quali sensazioni meravigliose sto provando ora dopo aver indossato in prova i tuoi nuovissimi e confortevolissimi apparecchi acustici CHE NON SI VEDONO. Dopo quasi 19 anni di stimatissima amicizia posso senz’altro affermare, che il tuo impegno verso le persone, che come me hanno purtroppo problemi anche gravi di udito, è sempre stato costante e attento soprattutto agli stati d’animo, alle paure, agli interrogativi, al grande vuoto che circonda chi non vive più condizione di normalità. Per te è sempre stato importante soprattutto il nostro benessere, il non farci sentire soli e soprattutto, non farci sentire disperati cercando sempre di tranquillizzarci, di convincerci che avremmo trovato una soluzione a tutto, che avremmo potuto sempre migliorare, e che in ogni caso non ci avresti mai abbandonato. Ti sei messo a nostra disposizione per qualsiasi problema dovessimo affrontare. Fino a quando hai addirittura deciso che il nostro benessere doveva diventare il fulcro della tua attività di lavoro. Non doveva essere un lavoro nel senso generalmente inteso ma un lavoro mirato, teso a raggiungimento di obiettivi che riguardavano ognuno di noi, per migliorare la nostra condizione, per farci sentire sempre meglio. E come se tu fossi caricato di tutte le nostre problematiche e avessi assolutamente deciso che dovevi risolverle per vedere sui volti di ognuno di noi un sorriso di compiacimento, una serenità, che non ci accompagnava più da tempo. Ecco Maurizio dopo aver provato i tuoi apparecchi acustici, posso garantirti che questo successo che ti eri prefissato lo hai raggiunto. E tutti noi ti ringraziamo profondamente. Io ti ringrazio profondamente per avermi regalato l’emozione grandissima di aver potuto vedere, capire in ogni singola sfumatura della voce film, documentari, musica, e quanto altro alla televisione senza l’uso dei sottotitoli, che rappresentavano finora per me l’unico mezzo per la comprensione delle parole. Dopo VENTISEI ANNI che vedevo soltanto trasmissioni sottotitolate, ora ho finalmente il grande piacere di SCEGLIERE LA TRASMISSIONE che desidero non perché è sottotitolata  ma perché mi sfizia così, perché è un film che desideravo guardare da tanto tempo, perché mi capita sotto il telecomando un programma qualsiasi e li resto, comprendendo ogni parola in modo nitido, chiaro, STRAORDINARIAMENTE PULITO. Lo stesso con la musica… con il telefono…con la gente che ho intorno… Questa sensazione di grande felicità per essere rientrata a far parte della normalità non ha prezzo, mi sento di nuovo una persona che fa parte di un tutto, non sono più tagliata fuori. Riesco a sentire quello che dice mio marito che sta in un’altra stanza. ( Incredibile per me, che se non guardavo le persone mentre parlavano non mettevo a fuoco i loro discorsi!) È una condizione davvero esaltante. E SOLO GRAZIE A TE. Alla tua caparbia volontà di trovare a tutti costi qualcosa di unico, di diverso, di non accontentarti della buona qualità, ma di cercare e riuscire a trovare il TOP per me.

Per noi tutti “sordini” che siamo qui a dirti un IMMENSO GRAZIE

 

PROVA LA SOLUZIONE GRATIS

 

 

 

Rita Di Pasquale

Alessandro Martolini – Roma 04/08/2019

Foto di Alessandro Martolini con il dott. Maurizio Saliola

Volevo giusto scrivere delle parole per esprimere i complimenti al Dott Maurizio Saliola (visto che ha il camice bianco🤣🤣),a parte questa piccola precisazione divertente, per questa nuova avventura lavorativa.Sono cliente di Maurizio da 20 anni e continuo ad esserlo visto che ho bisogno di protesi acustiche. E’ sempre stato un ragazzo con minuziosa professionalità, attento e preciso nel cercare la migliore soluzione di personalizzazione dell’udito del paziente, sempre disponibile e gentile in cerca sempre di nuove tecnologie e aggiornamenti a 360 gradi. Un grazie al dott Saliola per quanto fa per migliorare la vita ai suoi pazienti. Martolini Alessandro 👏👏👏

Alessandro Martolini

Elisa Forte – Roma 02/02/2019

Elisa Forte in piscina mentre abbraccia amorosamente il figlio piccolino

“Felicita è…
Riuscire ad ascoltare canzoni che prima non riuscivo a seguire, riuscire a parlare al telefono con naturalezza e spontaneità , anche con persone estranee, riuscire ad afferrare qualche parola alla radio, riuscire a cantare molto meglio e prendere note con molta più precisione, avere una voce molto più armonica e limpida, vedere gente che mi capisce al primo colpo anche in ambienti rumorosi, sentire rumori che prima non percepivo in maniera chiara… tutto questo da quando ho cambiato gli apparecchi acustici tradizionali…GRAZIE A MAURIZIO SALIOLA!!!“

 

PROVA LA SOLUZIONE GRATIS

 

Elisa Forte

Rita Batelli – Roma 13/10/2018

Foto in primo piano di Rita Batelli

“Ho avuto un incontro con Maurizio Saliola, Responsabile di “ INVISIBEN” di via Radicofani in Roma.
La fredda e piovosa giornata invernale ha contrastato con la calda accoglienza del personale all’interno della filiale. L’incontro mirava ad assumere informazioni più dettagliate sulla protesi endoauricolari ipotizzata per mio figlio Claudio, audioleso dalla nascita e affetto da una ipoacusia profonda.
Il contesto socio-culturale nel quale viviamo, molto spesso è appesantito dalla mediocrità e dalla noia. E continuo a trovare questa mediocrità e noia in molti contesti, sia lavorativi che personali. Incontrare Maurizio Saliola invece, è stata un’autentica sorpresa. Maurizio è una persona che non si rassegna alla monotonia del vivere quotidiano, sia nel contesto sociale, che lavorativo. Lui è una persona che coltiva progetti di ampio respiro, va oltre l’ordinario e ti coinvolge pienamente con il suo entusiasmo! Lui non si lascia imprigionare dal pensiero debole e uniforme. Non segue un modello a “sfera”, dove è livellata ogni sporgenza e scompare ogni differenza, Maurizio invece, segue un modello che potremmo definire “poliedrico” che include una molteplicità di elementi nel rispetto dell’”unità nella varietà”. E nel difendere l’unità, difende anche la diversità perché al contrario, quella unità non sarebbe umana.
Questo è lo spirito che Maurizio applica alla sua professione di audioprotesista e a tutti i suoi pazienti, ognuno diverso dall’altro, ognuno con le sue difficoltà, ognuno con le sue necessità ed esigenze strettamente personali. Di tutto ciò Maurizio ne fa tesoro, studia approfonditamente il caso ed elabora risultati, sulla base dei suoi supporti tecnici, valutando ogni aspettativa anche aldilà delle reali risposte del paziente.
Lui propone sempre qualcosa in più, nonostante -magari- lo scetticismo di altri professionisti nel suo campo. Lui prova, ha necessità di testare, anche per lungo tempo, prima di rinunciare ad aspettative valide, che desidera per i suoi pazienti.
Non vi nascondo che è stato in grado, con le sue argomentazioni, di coinvolgere anche me, che non sono un tecnico della materia, ma una semplice mamma, una mamma che nel corso degli anni di un lungo cammino, ha “studiato” una materia piuttosto ostica, che lui, invece, sa rendere semplice e alla portata di tutti.
Grazie Maurizio dell’incontro e di tutto quello che hai fatto, fai e farai per mio figlio Claudio, in particolare, ma anche per tutti gli altri che si rivolgono a te.”

Rita Batelli

Otello Della Riccia – Roma 13/03/2019

Foto del Dott. Saliola insieme con il paziente Otello Della Riccia

“Mi chiamo Otello Della Riccia ho un’età avanzata di circa novant’anni e voglio raccontarvi la mia storia riguardo l’apparecchio acustico. Sono stato in Sudafrica per circa vent’anni, e purtroppo ho dovuto operarmi per ben due volte. Ma nulla da fare, mi hanno dissero che acrei dovuto portare l’apparecchio acustico per tutta la mia vita, ma mi vergognavo. Allora avevo quarant’anni. Poi venni in Italia, a Roma e conobbi questo bravissimo dottore, Maurizio Saliola, che con le sue belle parole, mi convinse di portare l’apparecchio acustico senza vergogna e gli detti ascolto. Ormai sono vent’anni che ci conosciamo e posso dire che è una persona molto affabile, educata, premurosa e molto disponibile, ma davvero molto bravo nel suo lavoro. Di cuore gli auguro, tanta, ma tanta fortuna, e come si dice a Roma (non ho parole). Un augurio alla sua splendida famiglia che ho avuto la fortuna di conoscere.
Caro Maurizio, ti ringrazio ancora per tutto quello che stai facendo per me. Chi legge questo foglio credetemi non è per reclamizzare, ma è una persona che lo merita di cuore, che tratta tutti allo stesso livello. Grazie ancora Maurizio e grazie davvero anche al suo splendido staff.”

Otello Della Riccia

Adriano Pasqualini – Roma 16/05/2018

Foto del Dott. Maurizio Saliola con il paziente Adriano Pasqualini

“Scrivo volentieri queste poche righe per ricordare l’incontro col Dottor Saliola, da me soprannominato “l’orecchiologo.”
Circa 15 anni fa forse più, ebbi la necessità data la mia età di controllare l’udito che era calato. Mi regali al negozio del Dottor Saliola ed ebbi la fortuna di incontrarmi con lui, simpaticissimo corretto e molto attento alle mie orecchie. Dopo tanti anni abbiamo avuto il piacere di diventare simpatici amici divertenti, e grazie alla nostra simpatica amicizia, ha avuto per me sempre un’attenzione particolare, ma non vorrei far credere che il dottore non avesse un’attenzione diversa anche con gli altri pazienti. L’amicizia nostra, deriva dalla mia età piuttosto avanzata. Io oggi sono arrivato all’età di 93 anni, perciò di storie vere e divertenti ma anche molto dolorose, ne ho vissute molte. Ricordo il mio periodo clandestino della guerra e molte altre storie che oggi purtroppo non si vedono più. Faccio un esempio semplice, da giovani al tempo nostro, si raccontavano le barzellette, sempre nuove, dette ogni giorno, ed oggi purtroppo non si usano più. Comunque ho voluto ricordare questo, perché col dottore mi sono trovato ad avere un’amicizia come quella dei tempi passati. Ci diamo del tu ed è una cosa che purtroppo oggi devo costatare che non si usa più, ed è un Peccato, ma che noi due proviamo divertente rivive. Tutto questo sempre con grande rispetto e cordialità, cose che non ho avuto più da tanti anni. Auguro al mio amico dottore di mantenere questo modo di vivere e lavorare, che gli porterà soltanto tanta fortuna e di conseguenza gli porterà davvero tanti pazienti, a lui e al suo splendido personale. Ha cambiato l’azienda in cui lavorava aprendo un nuovo studio con il nome di INVISIBEN sul quale anche oggi ho scherzato .

Ciao DOTTO’…..”

Adriano Pasqualini

Dina Gambella – Roma 16/05/2018

Foto della dottoressa Sara Tramentozzi con la paziente Dina Gambella

“Cari Sara e Maurizio siete stati e siete sempre, i miei preferiti nell’ambito della vostra professione. Sono più di vent’anni che vi conosco ed ho sempre apprezzato la vostra gentilezza e premura nei miei confronti. È per questo che mi sono sempre sentita a mio agio nel frequentarvi.
A Maurizio e Sara grazie di cuore”

Dina Gambella

Giovanna Principato – Roma 22/05/2018

Foto dott. Maurizio Saliola con la paziente Giovanna Principato

“Mi chiamo Giovanna Principato ed ho la veneranda età di 94 anni. Insieme alle mie figlie Patrizia e Gioia ho avuto la fortuna ed il piacere di conoscere Maurizio circa 10 anni fa quando mi sono recata presso il suo centro per fare un esame audiometrico. Dico fortuna perché ho conosciuto un professionista serio e competente nel suo lavoro che con me ha svolto con grande pazienza la continua messa a punto dei miei apparecchi acustici. Dico piacere perché ho incontrato una persona meravigliosa dotata di grande umanità e simpatia, che non mi ha fatto mai pesare la mia età, anche se si sa che noi anziani, a volte siamo un pò noiosi. Per tutto ciò auguro a Maurizio ed alla sua bella famiglia, in modo particolare ai gemellini, un futuro pieno di felicità e di tanta salute. Ti ringrazio ancora per tutto quello che continui a fare per me!”

Giovanna Principato

Alberto Bombagi – Roma 02/06/2018

Foto del dott.Saliola insieme con il paziente Alberto Bombagi

“Giunto al termine del mio percorso presso il centro da lei diretto ed in considerazione dei risultati conseguiti: ottimi, desidero ringraziarla sentimentalmente per la sensibilità ed efficienza con la quale sono stato assistito. La prego di estendere i miei sentimenti anche a tutti i suoi collaboratori che, in un quadro di esemplare correttezza, si sono dimostrati sempre disponibili.”

“Giunto al termine del mio percorso presso il centro da lei diretto ed in considerazione dei risultati conseguiti: ottimi, desidero ringraziarla sentimentalmente per la sensibilità ed efficienza con la quale sono stato assistito. La prego di estendere i miei sentimenti anche a tutti i suoi collaboratori che, in un quadro di esemplare correttezza, si sono dimostrati sempre disponibili.”

Alberto Bombagi

Rossana Cecchini – Roma 01/04/2018

Foto della paziente Rossana Cecchni con il Dott. Maurizio Saliola

“Caro Maurizio, sono più di 20 anni, anche molti di più che ci conosciamo. Tra di noi e nata subito una grande simpatia fin da quando venivi a casa di mamma per le prove di sempre. Simpatia suffragata soprattutto dalla stima per l’impegno e la capacità di comprendere ogni novità sull’andamento dei disturbi che possono insorgere negli apparecchi acustici. Poi che dire della pazienza e serenità nel riuscire a spiegare ogni cosa che può succedere man mano che il tempo passa. Ti ammiro perché hai avuto il coraggio di intraprendere la strada della tua missione da solo insieme a validi dottori che ti aiutano e seguono. Chi non ti conosce non può capire come sai interpretare anche i momenti di abbattimento morale e cerchi sempre di confortare, capire e rendere tutto più sereno con un sorriso e qualche volta anche con un bacio.”

Rossana Cecchini

Bruno Stomaconi – Roma 04/02/2018

Il dott. Maurizio Saliola con il suo caro paziente Bruno Stomaconi

“Ho conosciuto il dott. Saliola per motivi di salute. Mi ha aiutato ad accettare ed usare l’apparecchio acustico. Devo riconoscere la sua grande professionalità. Non solo mi ha spiegato i dettagli ma ha risposto con precisione e competenza a tutti i miei dubbi. E’ facile aver fiducia in lui: per la pazienza, la disponibilità ma non solo verso di me. L’ho visto personalmente salutare cordialmente e con sincero interesse altri pazienti pur essendo professionalmente nel suo lavoro. Non tratta dall’alto in basso le persone, come me non esperto del settore.
Ho potuto apprezzare il suo attaccamento ai valori familiari, gli si illuminano gli occhi quando parla dei figli. Per concludere, sono stato molto contento di averlo conosciuto. Tanti auguri per la sua famiglia ed il suo lavoro.”

Bruno Stomaconi

FAI COME LORO

Noi di INVISIBEN come vedi, sappiamo che significa migliorare la vita delle persone.

COSA STAI ASPETTANDO?

Lascia stare gli apparecchi acustici tradizionali. Scegli la comoda Innovazione dell'udito invisibile con i dispositivi INVISIBEN

PROVA LA SOLUZIONE
donna sole